Le soffitte della Storia: convivi e buone maniere


Come promesso, oggi vi vorrei parlare dell’arte di come si riceveva a tavola( e non solo) nell’epoca d’oro del Medioevo, alla corte di principi e nobili dai gusti raffinati e dispendiosi…
Lo sapevate che il maestro di sala, lo scalco, era  un nobile, come lo era il trinciante, ovvero colui che presiedeva al taglio delle carni. E poi vi erano i coppieri che servivano abbondanti libagioni di vini molto diversi da quelli a cui siamo abituati, anche perché venivano diluiti con acqua.



Nel Medioevo, non si direbbe, l’etichetta era molto importante; nei banchetti il principe sedeva al centro di una tavolata disposta ad U, gli invitati più importanti gli sedevano vicino, ai lati venivano
collocati i convitati di minor riguardo.
 Le tavole erano ricoperte di fresche tovaglie di lino che però si sporcavano in fretta perché usate come… tovaglioli. Si mangiava con le mani (cosa nient’affatto disdicevole all’epoca) e dallo stesso piatto che spesso veniva condiviso da perfetti sconosciuti, pertanto le virtù più importanti a tavola erano la temperanza e la cortesia.


Durante il banchetto i commensali,specie nelle corti d’oltralpe, godevano della munificenza del principe che non badava a spese. Cantori d’Amore, giullari e giocolieri, danzatori e, chi più ne ha più ne metta, animavano le feste che in tempo di pace abbondavano sempre.
I castelli,riscaldati dagli enormi camini, riecheggiavano delle risa  e delle chiacchiere delle giovani
affascinate da questo o da quel cavaliere,mentre qualche giovane più ardito chiedeva alla sua bella un pegno d’amore sulle note di un delicata melodia che accompagnava
 i sonetti amorosi e le canzoni dei trovatori. 



Costosissimi arazzi alle pareti,cassapanche ricoperte da stoffe pregiate, scranni, tronetti e …sedie pieghevoli completavano l’arredamento, mentre musici esperti aprivano le danze con ritmi vorticosi e coinvolgenti, infuocando l’atmosfera di passione.
Per concludere questo breve viaggio nell’affascinante Medioevo, vorrei lasciarvi con un piccolo dono ,una ricetta di grande raffinatezza che ho appreso (e provato) dal celeberrimo libro di cucina “A tavola nel Medioevo”, la Torta bianca.
Io ne sono rimasta conquistata. Se la proverete, fatemi sapere come è andata!
Buon appetito!


A presto, Linda  



                            TORTA BIANCA


                             Ingredienti

                                                          Pasta brisèe
                                                          250 g di farina,125 g di burro,
                                                          10 cl d’acqua e 5 g di sale.

                                                          Ripieno
                                                          300 g di tomino o raveggiolo ben strizzato,
                                                          125 g di zucchero,
                                                          125 g di burro ammorbidito,
                                                          3/4 di cucchiaino di zenzero in polvere,
                                                          1/4 di litro di latte,
                                                           sale.

                                                           Rifinitura
                                                           2 cucchiai di zucchero,
                                                           1 filino d’acqua di rose.

                              Procedimento

                                                           Dopo aver lavorato brevemente gli
                                                           ingredienti della pasta brisèe ed averla
                                                            messa in frigorifero a riposare per 2 ore,
                                                            lavorare il formaggio a pasta molle con
                                                            le chiare d’uovo leggermente sbattute ed
                                                            incorporarvi lo zucchero, il burro e lo zenzero,
                                                            stemperando con un po’ di latte fino ad ottenere
                                                            una crema liscia ed omogenea.
                                                            Stendere la brisèe  molto sottile e foderare una
                                                             tortiera con i bordi alti.
                                                             Versare il ripieno nello stampo foderato e far cuocere
                                                             a 225° per 1 ora. Perché la torta rimanga bianca,
                                                             coprirla con un foglio di alluminio dopo i primi
                                                             30/45 min. di cottura.
                                                             Una volta tolta dal forno, spruzzare con l’acqua di rose

                                                              e spolverare di zucchero

1 commento:

  1. I tuoi post sono veramente un piacere!!!
    Abbraccio
    Lieta

    RispondiElimina

Lasciate un commento, per favore! Sarà un vero piacere per me leggerlo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...